Salvini e i compiti, quello scambio tra corsivo e stampatello che scatena l’ironia