Malagò: “Anche fascismo aveva rispettato la storia del Coni”