L’urlo di Zingaretti, il silenzio di Franceschini e Conte