La rabbia dei maestri di sci: il dpcm di Natale è una scure che si abbatte inesorabile