Italiani e stranieri: la casa che non c’è