Il voto di preferenza da male assoluto a salvezza dei cittadini