Il mondo della cultura si appella al governo: “Teatri e cinema non possono fermarsi”