Il dramma della Sea Watch 3: “Alcuni migranti meditano il suicidio”