Giulia Bongiorno e le “donne isteriche” che il Codice rosso permette di individuare. È bufera