Firenze, i magistrati: “Inammissibile parlare di giustizia a orologeria”