Dai Pronto soccorso arriva l’urlo: Chiudete l’Italia, subito