Braccianti sfruttati nel trapanese a tre euro l’ora: per loro anche insulti razzisti