Bonaccini: “Serve chiarezza: per uno che viene ricoverato c’è uno che resta fuori”